I giochi di Natale e le Barzellette sul Natale

Condividi su Facebook Tombola ,Barzellette, giochi per pc e gioco del tappo memory per divertirsi e sorridere i giorni di Natale

Giochi di natale al Pc

Sfida i tuoi amici a Il lancio di Babbo Natale' Se lanciare Babbo Natale con una catapulta non vi sembra troppo sadico allora allenatevi a fare questo semplice gioco e nei prossimi giorni di festa sfidate i vostri amici e i vostri parenti. Il divertimento e' assicurato !
Gioca gratis al Lancio di Babbo Natale

Ruzzle diventa gioco di società

Ruzzle - Gioco da tavoloRuzzle, una delle app più popolari e giocate nel mondo, diventa un gioco da tavolo. I giocatori devono trovare velocemente, all'interno di una griglia di 16 lettere, le parole col punteggio più alto. Si può giocare in 2 ma anche divertirsi in tanti, fino ad un massimo di 6 giocatori.

Gioco dei tappi

Ecco un gioco da fare tutti insieme in famiglia. Bisogna trovare le coppie di immagini (figurine, disegni fatti da te o semplicemente lettere dell'alfabeto)! Un gioco semplice di concentrazione che possiamo creare utilizzando i tappi di plastica del latte che avrete in precedenza conservato anziche' buttarli nel sacchetto della raccolta differenziata. Se avete bambini piccoli approfittate di questo gioco per insegnare loro il concetto “uguale e diverso”.
Realizza a casa tua questo divertente gioco di memoria.

Giochi di Società

MonopoliAltri giochi adatti al periodo natalizio ed ai nostri giorni sono i classici giochi di società. Il Monopoli è un classico gioco da tavolo che simula una attività finanziaria e che fa guadagnare danaro con investimenti e vendita di terreni.

RisikoNel “Risiko” invece si fa la guerra e si conquistano territori, per fortuna con carri armati di plastica. In questo gioco potete dare sfogo alle vostre doti di strateghi, ma fate attenzione che una partita puo' durare anche molte ore.


Il gioco della tombola

Tombola classica' Il gioco della Tombola, ai tempi chiamato gioco del Lotto, fino al 1734 era un gioco clandestino, fu ufficializzato dal re di Napoli Carlo III di Borbone, ma durante la settimana delle feste natalizie veniva sospeso, per non distrarre il popolo dalle preghiere. Ma il popolo subito pensò di organizzarsi per proprio conto; I novanta numeri furono messi in "pannarielli" di vimini e, per divertirsi in attesa della mezzanotte, ciascuno provvide a disegnare numeri sulle cartelle. Così la fantasia popolare riuscì a trasformare un gioco pubblico in un gioco famigliare, che prese il nome di tombola dalla forma cilindrica del numero impresso nel legno e dal capitombolo che fa lo stesso numero nel cadere sul tavolo dal panariello che, una volta, aveva la forma di tombolo. Si può affermare che la tombola è figlia del lotto, ma soprattutto della fantasia del popolo napoletano. La tombola è un gioco basato su 90 numeri, che si può praticare con pochi semplici strumenti:

1. Un grosso cartellone (o tabellone) suddiviso in 90 caselle (9 righe di 10 colonne) numerate da 1 a 90;

2. Ventiquattro piccole cartelle, ognuna delle quali con 27 caselle (3 righe di 9 colonne), su ogni riga ci sono 5 caselle occupate da numeri a caso più altre 4 bianche. Ogni cartella ha una combinazione di numeri diversa dalle altre;

3. Un paniere (in alternativa si può utilizzare un sacchetto opaco) contenente 90 pedine (tasselli di legno o di plastica) numerate da 1 a 90.

Tutti i partecipanti, a turno, comprano il cartellone e fungono da capogioco. Il capogioco è colui che estrae le pedine numerate dal paniere, le annuncia ai partecipanti e le colloca sul tabellone che tiene, ben in vista, davanti a se, e ha il compito di annunciare agli altri giocatori il numero uscito.Gli altri giocatori dispongono di una o più cartelle su ciascuna delle quali sono riportati cinque numeri da 1 a 90. Ogni volta che il numero estratto è presente su una o più delle sue schede, il giocatore "copre" la casella corrispondente. Lo scopo è quello di coprire due o più numeri nella stessa riga. Si vine con ANBO, due numeri, TERNO tre numeri, QUATERNA quattro numeri, CINQUINA cinque numeri e TOMBOLA tutti i numeri presenti nella cartella. Nella versione tradizionale della tombola, le schede sono semplici cartoncini stampati e i numeri vengono coperti con fagioli, ceci, lenticchie, pasta o altro materiale disponibile dopo i cenoni natalizi come i gusci di frutta secca e si stabiliscono premi per i bambini ( caramelle, cioccolatini, monetine o piccole sorpresine).

Barzellette di Natale

Due bionde vanno in un bosco per cercare un albero di Natale. Dopo due ore di intense ricerche una dice all'altra: "Ora basta, il prossimo albero che vediamo lo prendiamo, che abbia le palle o no!".

Pinocchio parla con Babbo Natale: - Pinocchio, ti piace l'animaletto che ti ho portato? - Ma... Babbo Natale, ti avevo chiesto un cane! - Cani non ce n'erano più! - Potevi portarmi un gatto! - Anche i gatti erano finiti. - Va bene, ma il castoro proprio non lo voglio!

Il nonno: "C'era una volta un albero di Natale gigantesco..."
Il nipotino: "Sai che palle!".

Nella notte di Natale due carabinieri passano davanti a una casa e vedono un tipo sospetto entrare dal camino e decidono di chiamare una volante per intervenire. Dopo che il sospetto è stato arrestato, lo portano alla centrale e lo mostrano al comandante, che dice decisamente arrabbiato: "RAZZA DI INCAPACI, ma vi rendete conto? Non riuscite proprio a usare il cervello? E poi ci lamentiamo che fanno le barzellette su di noi! Notte di Natale, vedete uno che entra in una casa con un sacco... non vi viene in mente che avete arrestato BABBO NATALE"

Un bambino scrive a Babbo Natale: "Mandami un fratellino" Babbo Natale risponde: "'Mandami tua madre"

La vita e' bella come un albero di Natale. Peccato che ci sia sempre qualcuno che rompe le palle...

Siamo verso Natale, e il figlio di un pastore sardo vorrebbe ricevere un regalo. Prende carta e penna e si mette a scrivere la letterina per Babbo Natale. "Carro Babbo Nattale. Per il ggiorno della tua festa, vorrei riccevvere una biccicletta rrossa". Arriva la mattina di Natale, il bambino va a vedere sotto l'albero e non trova nulla. Un po' perplesso, si rimette al tavolo a scrivere un'altra letterina: "Carra Beffana. Per il ggiorno della tua festa, vorrei riccevvere una biccicletta rrossa". Arriva anche il giorno dell' Epifania, ma la bicicletta rossa non arriva. Allora guardandosi intorno, il bambino osserva il presepe, prende la statuina del bambin Gesu', se la mette in tasca e si rimette al tavolo a scrivere un'altra letterina. "Carra Maddonna. Se vvuoi rivvedderre ttuo ffiglio....".

A Natale mia madre faceva sempre il tacchino. Un'imitazione orrenda!

Cosa dice un cane davanti ad un albero di Natale?
Finalmente hanno messo la luce ai cessi!

Su un tavolo c' una torta e attorno Babbo Natale, la Befana, un carabiniere intelligente, un carabiniere stupido. Un attimo di buio e la torta scompare: chi l'ha mangiata?
Dunque Babbo Natale, la Befana, il carabiniere intelligente non esistono...